La storia dell’automobile si inizia a Parigi verso la fine dell’Ottocento

DS19 1957Verso Fine Ottocento, esattamente nel 1898, si svolge la prima esposizione di auto, cicli e sport nella capitale francese. L’interesse per la locomozione all’apparire delle prime vetture senza cavalli. La prima corsa di auto, la Parigi-Rouen. Il grande afflusso di visitatori sin dall’inizio. Il “Salon de l’automobile” fino al 1986. Poi, il “Mondial de l’automobile” a testimonianza dell’enorme presenza di pubblico. Già negli Anni Cinquanta supera il milione di presenze. A Parigi, l’evoluzione delle quattro ruote con vetture come la DS 19 che si propone come una vera rivoluzione, con la “Traction avant” (trazione anteriore) e le sospensioni idropneumatiche: genialità che verranno adottate da quasi tutte le auto attuali. I periodi di difficoltà della rassegna francese. Il primo arrivo di una vettura giapponese nel 1957. La ripresa negli Anni Cinquanta e a metà dei Sessanta fa nascere   nel pubblico la speranza di poter acquistare un’automobile. Tutto questo testimonia l’importanza internazionale di una manifestazione che da sempre si impone come la più visitata del mondo. 

1898 paris autoLa storia dell’automobile, è chiaro, nasce in gran parte nella capitale francese verso la fine dell’Ottocento. Il Salone dell’auto di Parigi, infatti, è il più antico al mondo. Il debutto avviene nel 1898 ad opera di Albert De Dion, un pioniere dell’auto e del neo-nato Automobile club di Francia. Il nome della manifestazione è “Esposition internationale de l’automobile, du cycle e des sports” e si svolge al Giardino delle Tuileries. Sin dall’inizio, la rassegna francese si presenta coma la più visitata. Negli Anni Cinquanta accoglie un milione di visitatori. Di regola si tiene ogni due anni tra la fine di settembre e i primi del mese di ottobre. Quest’anno si svolge dal 4 al 19 ottobre a Parigi, al Parc des Exposition, alla Porte de Versailles. La sua importanza è internazionale per la presenza di tanti nuovi modelli, tra cui molti prototipi, quelli che anticipano le future vetture, e tantissime super car.

Il nome iniziale nel corso di alcuni anni si trasforma in “Salon de l’automobile”: nome che dura fino al 1986, quando nasce il “Mondial de l’automobile”, mentre la cadenza annuale dura fino al 1976 per, poi divenire biennale, alternandosi con la rassegna di Francoforte.
L’interesse dei francesi per la locomozione nasce nel 1989, quando appaiono le prime vetture senza cavalli all’Esposizione universale e, pochi anni dopo, siamo nel 1894, si tiene la prima corsa di auto, la Parigi-Rouen, a iniziativa del Petit Journal. Questa nuova forma di locomozione appassiona e entusiasma al punto che il forte interesse fa nascere, è il 1895, l’”Automobile club de France”: il suo scopo è promuovere l’automobilismo.

E’ facile immaginare che qualche tempo dopo, nel 1898, si realizza la prima esposizione di automobili. A questa partecipano 220 costruttori. Ma, nel 1901, la rassegna si trasferisce al Grand Palais, luogo che sarà per 60 anni il simbolo del salone francese. Proprio in quegli anni, però, non mancano i contrasti tra i costruttori e il comitato del salone con la conseguenza che l’edizione del 1909 viene abolita. Poi, i costruttori riprendono in mano la situazione e il salone prosegue fino alla Prima Guerra Mondiale. Negli Anni Trenta, gli effetti della crisi si fanno sentire anche in Francia e, così, nel 1938 il numero degli espositori si abbassa a 526 contro i 1339 del 1929, mentre la pressione dei costruttori stranieri si fa più forte. Ragioni molto evidenti, la guerra, fanno sì che non ci sarà salone tra il 1939 e il 1945.

Nel 1946 si apre un salone insolito con costruttori che non possono vendere, perché non hanno le materie prime per costruire altri esemplari, mentre chi vuole acquistare è sommerso da problemi amministrativi. Comunque, è il primo salone del Dopoguerra in Europa e al Gran-Palais accorrono circa 810 mila persone in dieci giorni. E’ la conferma dell’afflusso sempre molto alto. Però, si registra l’assenza di veicoli elettrici. L’ultimo era stato presentato nel 1923.
Nel 1950, il salone si svolge in due luoghi contemporaneamente: alla Porte de Versailles (veicoli utilitari e cicli) e al Grand Palais. L’affluenza non crolla; anzi, il pubblico mostra interesse per le tante novità che si succedono e comincia a sperare di poter acquistare l’automobile. Infatti, nel corso degli Anni Cinquanta i costruttori avviano una tendenza verso le novità che continuerà per molto tempo.

Con il Salone del 1952, l’auto entra nei tempi moderni dello sviluppo industriale: il salone presenta solo vetture nuove, mentre il mercato dell’usato si trasferisce a Porte Maillot. Quell’anno segna anche l’ingresso di un costruttore donna: Denis Colcombet. L’anno seguente aumenta a 80 mila metri quadri lo spazio espositivo e l’anno dopo si arriva al milione di visitatori. Ritornano anche le aperture notturne, che avevano segnato alcune rassegne degli Anni Venti.
Il Salone vive momenti sempre di maggior splendore fino a raggiungere il culmine del secolo scorso nel 1955, quando al Grand Palais arrivano un milione e 37 mila persone, richiamate dalla presenza di tali novità che fanno presagire il futuro dell’automobile. Proprio quell’anno, infatti, viene presentata al pubblico una delle vetture che più di tante altre segnano una rivoluzione e una svolta vera sul futuro dell’automobile: è la Citroen DS 19. Tutt’oggi i suoi pregi maggiori, la “traction avant” (trazione anteriore) e il sistema di sospensioni idrauliche, sono adottati dalla maggior parte dei veicoli. Ma gli anni che seguono vedono un declino della rassegna. Diminuiscono le presenze mentre i costruttori prendono l’abitudine di presentare i loro modelli fuori del Salone. Sono gli anni della crisi di Suez, della Guerra di Algeria e le tensioni Est-Ovest forse influiscono ugualmente sull’opinione pubblica.
L’importanza del salone francese viene confermata nell’edizione del 1957, quando per la prima volta, in Francia e in Europa, appare in mostra una vettura giapponese: è la Prince Skyline. Il marchio diventerà ben presto Nissan. Sono gli Anni Sessanta a dare ancora una svolta al Salone con l’esposizione di bolidi e vetture di collezioni private da gran premio per far sognare il pubblico. Tutto questo giustifica bene l’aumento costante delle presenze fino a un milione e 60 mila persone nel 1968.

A distanza di cento anni dalla nascita, nel 1998, viene proposta una retrospettiva sui cento anni della rassegna. Poi, è la volta del “Mondial 2010” che desidera presentarsi come la più grande rassegna al mondo, continuando nella presentazione di modelli che, ormai, non puntano solo sull’innovazione, ma guardano alla sicurezza, alle nuove energie e all’ambiente.

Transfagarasan: è record con la Ferrari

Al volante di una 458 Italia il presidente del Ferrari Club Passione Rossa Fabio Barone è entrato nel World Guinness Record percorrendo la tortuosa strada nei Carpazi con una media di oltre 83 km/h.Era nata come una scommessa e invece è diventato un record del mondo: a compiere l'impresa è Fabio Barone, che non è un pilota professionista ma sta dedican..

L’auto più singolare al mondo è la Donkervoort D8 TGO Bilster

Una delle auto più accattivanti e che promettono grande sportività è la D8 TGO Bilster prodotta dalla Donkervoort. Una vettura emozionante nella guida per le sue alte performances. Prodotta in pochi esemplari, grazie agli optionals può sembrare un modello unico. Monta una motorizzazione di 2,5 litri dell’Audi e ha accorgimenti particolari per miglior..

UNA ALFA ROMEO 1900 DEL 1954 VINCE IL PRIMO CONCORSO DI ELEGANZA TARGATO ACI STORICO

L'Automobile Club d'Italia e ACI Storico protagonisti del Roma Motor Show a Vallelunga Una splendida Alfa Romeo 1900 con carrozzeria Touring 125 CV superleggera del 1954 in alluminio è la vincitrice del concorso di eleganza “C’era una volta al Pincio”, organizzato da ACI Storico e Rivista Motor al Centro Congressi di Vallelunga in occasione della 6..

L’autovelox serve per prevenire e non solo per fare tanti soldi

Lo scopo della legge è prevenire prima ancor di punire. Ma quasi sempre le postazioni degli autovelox sono posizionate in maniera distorta al solo scopo di far soldi per le aministrazioni. Non importa se i quel tratto dieci orari in più non rappresentano un pericolo per nessuno. L’importante è elevare contravvenzioni.

La storia dell’automobile si inizia a Parigi verso la fine dell’Ottocento

Verso Fine Ottocento, esattamente nel 1898, si svolge la prima esposizione di auto, cicli e sport nella capitale francese. L’interesse per la locomozione all’apparire delle prime vetture senza cavalli. La prima corsa di auto, la Parigi-Rouen. Il grande afflusso di visitatori sin dall’inizio. Il “Salon de l’automobile” fino al 1986. Poi, il “Mon..

A Parigi, il futuro dell’automobile

La rassegna francese, la più visitata al mondo, è ricca di tantissime novità: oltre cento auto nuove, prototipi, ibride, elettriche, biocarburanti. Le nuove linee delle vetture mostrano l’evoluzione dell’eleganza e del design. Tra le attese, la nuova Twingo, e la nuova 508 ibrida. Tra le bellissime,  la nuova Aston Martin roadster, la più potente fi..

Ginevra ancora una volta capitale dell’auto

L’84.ma edizione del Salone svizzero fa tornare Ginevra nuovamente capitale dell’auto. Le attese delle tantissime premières e delle novità che tutte le auto presentano. La rassegna ginevrina, infatti, è la vetrina ideale per ogni costruttore per presentare l’innovazione.  Anche questa edizione offre agli spettatori uno spazio verde, uno spazio dedi..

L’interessante ibrido della Peugeot

Il futuro prossimo dell’auto si chiama ibrido: cioè, motore elettrico e termico. Peugeot ha scelto come termico il propulsore diesel, un motore che da sempre è il fiore all’occhiello della Casa francese: si tratta del famoso motore HDI dotato del filtro antiparticolato, Fap. L’emozione dell’auto silenziosissima quando è in modalità elettrica. I v..

La leggendaria Renault 8 Gordini compie 50 anni!

Una delle vetture più leggendarie, la Renault 8 Gordini, compie cinquanta anni e, nonostante l’età, prende parte alla 17.ma edizione del Rally di Monte Carlo storico. L’affascinante vita di Amedeo Gordini, nato nel Bolognese nel 1999. La sua vita in Francia. Le prime auto da corsa. I rapporti con la Simca, da cui nasce la famosa Simca-Gordini. La pri..

La mobilità del terzo millennio con le auto elettriche Renault

Twizy e Zoe sono due dei modelli della gamma 100% elettrica di Renault, sviluppata per dare origine alla mobilità del terzo millennio, moderna e rispettosa dell’ambiente. Le due vetture, che hanno un design innovativo, una tecnologia all’avanguardia e una massima eco-compatibilità, rispondono bene alle esigenze di mobilità urbana privata e aziendale, ..

Peugeot e Citroen aumentano le vendite nel periodo della crisi

Peugeot e Citroen (Gruppo Psa) nel primo semestre 2011 vendono più auto che nello stesso periodo dell’anno precedente. Tutto questo in un periodo di crisi. Le cause sono da ricercare nei nuovi modelli e nei nuovi motori a basso consumo. Migliora la quota di mercato del Gruppo e dei due marchi francesi. Un incremento dello 0,4% nella quota di mercato, unic..

Meglio tassare ancora il CAFFE’ o insistere SULLA BENZINA?

Contro la possibilità di un ennesimo aumento delle accise sulla benzina, l’Aci si ribella e suggerisce che, forse, è meglio tassare altri beni voluttuari, anziché ulteriormente gli automobilisti. E’ vero che il prezzo del carburante, più caro di circa sessanta centesimi rispetto al costo negli altri paesi europei, ha raggiunto un limite insuperabile ..

Va male anche l’usato delle auto e delle moto

Anche il mercato dell’usato, sia per le auto , sia per le moto, va male. Sempre di più. Nel solo mese di aprile, rispetto allo stesso mese dello scorso anno, la percentuale negativa è del 18 per le quattro ruote e del 21 per le moto. Dall’inizio dell’anno la diminuzione è del 13%. Di poco inferiore, 12,5, per le due ruote. Segnale positivo solo per ..

Peugeot conquista Ginevra

La francese Peugeot, con 5 anteprime mondiali, sferra una massiccia offensiva all’82.mo Salone internazionale dell’auto di Ginevra, in Svizzera. In mostra ben 30 veicoli su uno spazio invidiabile di quasi 3.000 metri quadrati. Spiccano la nuovissima 208, vettura di nuovissima generazione, le tre ibride con il sistema Hybrid4 e la Suv ibrida 4008. La Cas..

Il prototipo Vittoria di UP per il Qatar

La nuova vettura della UP Design di Torino, che sarà in bella mostra al prossimo Motor Show del Qatar, è stata presentata alla stampa da Umberto Palermo, durante la rassegna di Bologna. Si tratta della prima vettura realizzata dal designer torinese, dopo la fondazione della sua nuova azienda, la UP.Palermo ha descritto le ispirazioni creative e le passion..

Mitsubishi iMiev è la più bella elettrica

Il Motor Show di Bologna quest’anno offre di nuovo al pubblico “Electric city”, una piccolissima pista per provare le auto elettriche. All’orizzonte non c’è nulla di nuovo tra queste vetture. Primeggia ancora la piccola, ma non troppo, perché ospita bene quattro persone, realizzata dalla Mitsubishi, la “i Miev”.La i Miev è la capotistipite d..

Il declino del Motor Show

Da sempre, l’elemento chiave del richiamo del Motor Show è la serie di competizioni di automobili nelle aree esterne della fiera. E questo ha decretato il successo nel corso degli anni. Un successo che sei anni fa porta il Motor Show bolognese a far parte dell’organizzazione internazionale dei grandi saloni di automobili. La realtà successiva, però, ..

Al Motor Show si discute...

Un vasto programma di convegni e conferenze stampa per fare il punto sulla situazione del mondo dell’automobile. Ci sono anche seminari tecnici e settori in cui vengono presentate le innovazioni di una tecnologia in continua evoluzione Il programma di convegni e conferenze stampa sui problemi dell’automotive è vasto. Anche il pubblico vi può partecipa..

Supremazia Peugeot con l'ibrida 3008

L’annuale appuntamento di H2 Roma si rivela più interessante degli altri anni con una esposizione che evidenzia non pochi progressi nella produzione delle vetture ibride. Nessun passo avanti per le elettriche. Tra queste ultime, le migliori sono le francesi: Peugeot, Citroen e Renault. Tra le novità interessanti nell’evoluzione delle ibride, la Peugeot..

Il salone del coraggio

Analisi del nautico di Genova La 51 esima edizione del salone nautico internazionale di Genova, svoltasi dal 1 al 9 ottobre scorsi presso la Fiera del capoluogo ligure, si iscriverà  negli annali dell’ormai storico appuntamento come “il Salone del coraggio”. Coraggio soprattutto da parte degli espositori a fronte di una congiuntura economica negati..

 

Transworld logoKuoniMarenews logoSeanet Logo

Utilizzo cookie analytics di terze parti per migliorare l'esperienza d'uso del sito.

Proseguendo con la navigazione si acconsente all'uso dei cookie; per negare il consenso, si rinvia all'informativa estesa.